Pregliasco: la proposta oftalmica in una valigetta

Pregliasco: la proposta oftalmica in una valigetta

Clip System si presenta appunto come una valigetta in cui sono disposte diverse tipologie di lenti oftalmiche: il progetto del professionista genovese è anche un metodo esperienziale con cui il cliente può provare le lenti prima dell’acquisto

preglliasco-b2eyes«L’idea di sviluppare questo sistema l’ho maturata da quando studio il mondo del retail in generale – spiega a b2eyes TODAY Roberto Pregliasco ( nella foto ) – Ho riscontrato che in altri settori si sono compiuti passi da gigante nell’approccio al consumatore, mentre il retail dell’ottica mostra ancora una certa arretratezza.

Il segmento oftalmico è quello che ci permette di marginalizzare e di essere professionisti, ma siamo legati a un vecchio modo di proporre la lente oftalmica. Con l’innovativo sistema ciò che va in scena non è più un’incomprensibile listino per il cliente, ma il prodotto lente con le sue caratteristiche.

Il cliente si trova a scegliere sulla base di ciò che gli consigliano i consulenti alla vendita, senza nulla togliere alla bravura di molti di loro: è un patto di fiducia, ma  questa fiducia costa tanto, vendiamo lenti di valore e con un certo peso economico». Da qui lo studio di un sistema  di vendita in grado di rendere concretamente visibile al consumatore i vantaggi delle lenti oftalmiche consigliate e provate: Pregliasco lo ha sviluppato e iniziato a utilizzare nel 2013 nel suo centro ottico di via Brera a Genova. E oggi, dopo averlo brevettato, lo sta proponendo a tutte le imprese oftalmiche del mercato italiano.

«Nel sistema valigetta sono contenute tutta la gamma di lenti e i diversi trattamenti che un marchio propone – dice il professionista genovese – In più ci sono due occhiali. Il primo sistema occhiale serve per far provare, ad esempio, il fotocromatico, tutte le lenti colorate o polarizzate; il secondo sistema occhiale ha la possibilità di variare la distanza interpupillare sia orizzontale sia verticale e  si può inserire la correzione ottimale del portatore per fargli, ad esempio, provare tutte le lenti a focale variabile e le ultime lenti a supporto accomodativo e valutare insieme le tipologie e i canali ottimali.

Per chi ha avuto una storia negativa con le progressive, si può considerare anche la possibilità di fargli provare il dispositivo per una settimana nel proprio ambiente prima di eseguire la soluzione visiva definitiva». La valigetta è pensata per essere trasportata dall’ottico dall’area vendita alla sala refrazione, ma sono allo studio, in collaborazione con Arteco, anche alcune varianti a parete con sviluppo verticale, da collocare in un corner del punto vendita. «Attualmente Clip System è utilizzato in quattro centri ottici pilota in Italia e lo sto sottoponendo ad alcune realtà europee – conclude Pregliasco – Dato che è un sistema che crea valore, sto valutando di concederlo agli ottici indipendenti con un’esclusiva geografica a bacino».